Posts Tagged ‘ Idee per autoritratti ’

Esercizio: L’abito fa il monaco?

Si suol dire che l’abito non fa il monaco; è vero o falso?

Voglio suggerirti un modo originale per mettere alla prova questa affermazione.

Prova a fare questo esercizio. Preparati come se dovessi uscire e vestiti di tutto punto: scarpe, orologio, anelli, borse, e accessori compresi.

Adesso scattati qualche fotografia contro lo sfondo bianco di un muro o di un lenzuolo. Se vuoi semplificarti le cose ti consiglio di sederti su una seggiola, tenendo le mani in grembo, utilizzando uno specchio per vederti meglio e un cavalletto per la fotocamera. Perfetto, adesso scatta!

Molto bene,  aspetta a scaricare le foto, prima di guardare il risultato spogliati.

Prendi tutte le cose che avevi indossato, abiti e accessori e ponili sulla stesso sedia che avevi usato per scattarti la prima serie di foto fissandoli con un pò di nastro adesivo trasparente a mò di manichino, come se fossi ancora seduto lì, ma il tuo corpo fisico fosse improvvisamente evaporato…

Adesso togli tutti gli abiti e gli accessori dalla seggiola e sieditici nuovamente, nella stessa posizione di prima, ma vestito solo della tua biancheria intima e scattati ancora qualche fotografia. Abbiamo finito, ora puoi rievestirti.

Adesso scarica sul computer le foto che hai fatto e mettile vicine (una con il corpo, una senza, una senza vestiti) a costituire un trìttico.

Guardale attentamente…Che cosa vedi?

Esercizio: Gli occhi non mentono

Da quanto lontano vengono i tuoi occhi?

Questo esercizio può aiutarti a scoprirlo e regalarti qualche insospettata informazione sul tuo corredo genetico.

Per cominciare scattati qualche autoritratto che metta a fuoco i tuoi occhi. Una inquadratura del volto stile foto-tessera dovrebbe andare bene. Modifica leggermente l’espressione degli occhi. Un pò più dolce…un pò più accigliata… un pò interrogativa…

Perfetto! Adesso trova una fotografia di tuo padre e una di tua madre quando avevano la tua età e scannerizzale. Se non riesci a trovarla scattagliene una tu alla loro età attuale, andrà bene lo stesso.

Adesso, con un qualsiasi programma di fotoritocco, ritaglia da tutte le fotografie una finestra che contenga solo gli occhi (stile chador). E confrontale tra loro.

Da dove vengono i tuoi occhi?

Esercizio: La mia ultima fotografia

Hai mai pensato di fotografare la tua morte?

Lo so che sembra strano, ma lo ritengo un esercizio decisamente interessante.

Del resto lo stesso Barthes sostiene che ogni fotografia è un pò una piccola morte.

Prova a immaginare un auto-ritratto che abbia come titolo: la mia ultima fotografia.

A te la scelta di come interpretare questo tema.

Alla tua fantasia il resto, come: ambientazione, luci, trucco, etc.

Adesso guarda il risultato e rifletti sul perchè delle tue scelte…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: